...in azione per arrestare la mala politica

BENVENUTO NEL SITO DEL MAP 

Manifesto 

Siamo un’Associazione che si propone di dare al territorio una guida politica di qualità e una spinta propulsiva di cambiamento, slegata dalle logiche di partito e dalla filosofia degli accordi mirati unicamente alla conquista delle poltrone. 

Il MAP vuole dare speranza ai cittadini stanchi e ridotti allo stremo dalla mala politica che, da molto tempo non si occupa più del bene sociale e della buona gestione della cosa pubblica. La disaffezione alla politica ha raggiunto percentuali che superano in alcune regioni (vedi Calabria) il 50 %. Per il fatto che la classe politica troppo spesso è corrotta e ostaggio dei suoi stessi compromessi. L’astensionismo non produce benefici per la collettività e non fa altro che indebolire quella parte di società sana e onesta, facilitando il radicamento dei politici lestofanti e disonesti, intenti soltanto a occupare posti di comando.

Se si vuole si può tornare a pensare che ci possa essere un futuro nettamente migliore, dove a gestire la cosa pubblica siano persone degne di essere al servizio dei Cittadini.

La filosofia politica che anima il Movimento Autonomo Popolare si basa sull’idea che fare politica vuol dire dedicarsi con spirito missionario, incondizionatamente, per dare voce e rappresentare il Popolo nella richiesta e tutela di tutti i diritti sociali che stanno alla base di una società civile. Intorno ai quali la società deve evolversi culturalmente ed economicamente.

Il MAP intende inoltrarsi nel tessuto sociale, raccogliendo le istanze dei cittadini, preservando quelli che sono gli usi, i costumi, le culture e le testimonianze storiche culturali del nostro territorio. Promuovendo una politica seria, onesta e produttiva, volta a soddisfare le esigenze principali del Popolo. 

Noi ci siamo prefissi un obiettivo che cercheremo di raggiungere a tutti i costi. La nostra missione è quella di agire per  arrestare la mala politica. Vogliamo tirare fuori da ognuno tutta la rabbia e la delusione, trasformandole in una grande energia sociale pulita, tale da contrastare il cancro della mala politica. Solo così possiamo insieme essere alternativi, proponendoci come gruppo autonomo al servizio del cittadino. 

Utilizzeremo tutti i valori e le qualità del popolo per rimettere a sesto la nostra Regione, iniziando dalla città di Reggio Calabria, percorrendo la strada che porta al cambiamento dell’Italia intera.

Questa è la ragione e la missione del Movimento Autonomo Popolare: vogliamo recuperare opere e valori, dimostrando che la politica, se fatta nel rispetto totale dell’essere umano e dei principi costituzionali, è uno strumento essenziale per costituire habitat a misura d’uomo, soddisfacendo le necessità di tutti i cittadini.    

Vogliamo ridare ai Calabresi l’orgoglio di essere meridionali e soprattutto la possibilità di dimostrare di essere persone oneste con grandi valori morali e culturali, degni di essere cittadini Italiani.

Non si può più restare a guardare senza agire. Chi vuole dare un contributo per il miglioramento dello stato sociale e dell’economia territoriale deve mettersi in giuoco. Bisogna dare risposte soprattutto alle categorie sociali in stato di bisogno: ai giovani inoccupati, ai disoccupati, agli anziani, ai pensionati sociali, ai meno abbienti, agli ammalati cronici, ai diversamente abili e ai carcerati.

La sfiducia del cittadino nei politici è più che legittima, visto i risultati sempre più negativi prodotti fino ad oggi. Per la prima volta dal dopoguerra, ci troviamo ad assistere a una situazione economica drammatica, per la quale, il Governo, primo responsabile della crisi nazionale, ha drasticamente ridotto gli interventi assistenziali a favore degli aventi diritto, mentre gli Enti locali non riescono a dare neanche il minimo indispensabile per quanto riguarda i servizi primari collettivi.

È giunto il momento di reagire con determinazione, per frenare la mala politica e le caste che hanno preso il sopravvento sul Popolo. La Sovranità Popolare, prevista dalla nostra Costituzione non ha più voce, poichè i propri rappresentanti eletti democraticamente, agiscono contro e non a favore del cittadino, trasformato oramai nella peggiore condizione di suddito. La pressione fiscale sempre più pesante è la causa principale della crisi economica che ha portato al fallimento migliaia di Aziende e di conseguenza all’aumento della disoccupazione. Stiamo vivendo un periodo in cui il sistema politico è rissoso e frammentato e gli attori principali della politica non sono espressione della volontà Popolare. Stiamo subendo le scellerate decisioni di un Governo autoeletto, con una maggioranza che non rappresenta più il voto dei cittadini. Il MAP vuole contribuire ad arrestare l’arroganza delle oligarchie politiche che agiscono come fossero organismi indipendenti e superiori, dotati del potere decisionale assoluto, tale da poter derogare al rispetto per le regole Costituzionali e Democratiche. Il Movimento Autonomo Popolare ha le idee e le potenzialità per produrre progetti e azioni a favore del miglioramento e della tutela del territorio, nonché dello sviluppo economico e sociale.    

Il MAP vuole sollecitare i cittadini e quella parte di classe politica buona che ancora credono negli ideali e nella Sovranità Popolare, affinché insieme si possano gettare le basi per ricominciare prima di tutto ad avere fiducia in noi stessi, utilizzando tutto il potenziale di crescita, per investire con ragionevolezza nella cultura, nell’educazione civica, nella ricerca, nello sviluppo e sfruttamento di tutte quelle risorse naturali esistenti nel nostro territorio. 

Siamo fermamente convinti che la fonte di ricchezza più redditizia, provenga dal turismo e quindi bisogna mettere in condizione chi lo vuole di generare nuove iniziative imprenditoriali, aiutando le giovani generazioni in particolar modo le donne a sfruttare il proprio talento e la creatività femminile.

Se non si agisce in tempi brevi e con la massima determinazione, rischiamo veramente che l’Italia diventi la cenerentola del mondo, declassandosi ulteriormente a livelli vergognosi. Trascinando nella soglia di povertà assoluta, soprattutto il popolo meridionale. 

Il Movimento Autonomo Popolare lavorerà precipuamente per affrontare questo brutto destino che sembra inevitabile, ma se affrontato con competenza, serietà e determinazione può essere evitato. 

Noi partiamo dalla convinzione che ci sono tutte le qualità e le energie necessarie affinché si possano sollevare le sorti del nostro Comune, della Regione e della Nazione intera. Per farlo però abbiamo bisogno del contributo della gente onesta che ci sostenga a pieno nella nostra missione.

L‘Italia ha bisogno di una nuova classe politica e di una classe dirigente in grado di tornare a guidare gli italiani verso la ripresa. Non è ammissibile che un Popolo come gli Italiani che ha fatto la storia più interessante del mondo, creando i principi fondamentali del diritto che tutte le civiltà libere e democratiche del mondo hanno preso come esempio per costituire le loro leggi, finisca nel baratro per colpa dei suoi stessi rappresentanti. 

L’Italia che aveva raggiunto livelli economici invidiabili tali da diventare la quinta più grande potenza economica del mondo, oggi affondi nel mare della miseria, per colpa di Governi fantoccio e infantili e di amministratori locali disonesti.

Dobbiamo a tutti i costi affrontare il nodo che sta soffocando il nostro Paese. Bisogna ricostruire una democrazia forte, in grado di mettere in cantiere le migliori strategie economiche per una rapida ripresa. La società italiana ha bisogno di un nuovo assetto politico di riferimento che corrisponda alle necessità del territorio e del Popolo.

Il Movimento Autonomo Popolare spera nel ripensamento di tutti quelli che sfiduciati e traditi dalla falsa politica Democratica (demo dittatura) e che si sono astengono dal votare, possano confluire nel MAP per costituire il vero Movimento Politico del Popolo, diventando così protagonisti della politica e non semplici spettatori delusi.

Bisogna creare un gruppo politico che abbia dei grandi ideali che ci consenta di compiere una rivoluzione sociale culturale, sostenendo i principi della vera Democrazia. La soluzione dei problemi sta prima di tutto nel non consentire alle lobby partitico-affaristici che hanno determinato il fallimento della Democrazia di rimettere insieme i cocci per dare corso a nuove lobby, formate pero dai vecchi politici lestofanti che fino ad oggi hanno pensato di sfruttare le posizioni apicali politiche e dirigenziali per produrre benefici circoscritti soltanto entro il raggio d’azione di propria competenza. 

Molti son stati soggiogati dalla falsa formula dei politicanti: la Democrazia avrebbe inventato i democratici, lo Stato avrebbe fatto gli Italiani. 

La politica non si esaurisce nello Stato. La politica ha un ulteriore sfogo che va oltre le forme statuali, poiché la politica rimanda all’uomo, non alle leggi o agli ordinamenti. Oggi come non mai siamo dentro fino al collo nei totalitarismi sclerotizzanti e bisogna fare molta attenzione nel distinguere l’autorità e la gerarchia dai totalitarismi. Infatti, oggi ci troviamo ad essere governati da uno Stato totalitarista, finto democratico (demo dittatura) che utilizza l’autorità e la gerarchia in maniera distorta e vessatoria.

Occorre riprendere il cammino dell’orgoglio nazionalista e irrorare di valori universali le aride zone dei nostri tempi. Occorre annientare definitivamente il contrasto fra Oriente ed Occidente. Sia lo spiritualismo cattolico che le frange della sinistra post-marxista avvertirono da tempo tra le loro più sensibili coscienze la necessità di una convivenza armoniosa. Occorre la forza di una rigenerata tradizione. Se il cattolicesimo difendesse il rigore dei suoi principi, sarebbe un baluardo fondamentale per l’affermazione e la difesa dei valori spirituali. “LA VERA PATRIA va riconosciuta nell’idea, non l’essere di una stessa terra o lingua, ma l’essere della stessa idea è oggi quel che conta”. (Julius Evola)

Il senso della Patria è un di più, non un tutt’altro. Guai ad illudersi circa le possibilità di una diatriba prettamente politica e circa il potere dell’una o dell’altra formula o sistema, cui non faccia da precisa controparte una rigenerata qualità umana.

Se uno Stato possedesse un sistema politico perfetto, ma la sostanza umana fosse tarata, tale Stato cadrebbe a livello delle società più basse; mentre un Popolo capace di partorire uomini veri, possessori cioè di un giusto sentire e dal sicuro istinto, raggiungerebbe un alto livello di civiltà, ergendosi in piedi davanti alle prove più calamitose anche se il suo sistema politico fosse imperfetto o lacunoso. 

La misura di ciò che può essere salvato dipende dall’esistenza o meno di uomini che siano presenti non per predicare “Formule”, ma per essere “Esempi”, contrastando demagogia e materialismo delle masse e svegliando diverse forme di sensibilità e interesse. Bisogna costruire dalle macerie del vecchio sistema un uomo nuovo, da animare per mezzo di un determinato spirito e una visione della vita adeguata, fortificandolo mediante l’aderenza ferrea a precisi principi e regole. Questi valori occorre applicarli dal tempo di guerra al tempo di pace. Occorre creare una discriminazione tra noi e i vecchi schieramenti.

NON ABBIAMO LA SENSAZIONE, ABBIAMO LA CERTEZZA DI CIÒ CHE NON DOBBIAMO PIU’ ESSERE, CHE NON DOBBIAMO PIÙ FARE!!!

Il nostro messaggio di fiducia parte dalla convinzione che le energie del Paese sono grandi e possono essere utilizzate attraverso un processo di profondo rinnovamento, alternativo, della società civile, politica e religiosa.

Riteniamo di dover necessariamente creare una nuova classe politica e dirigente, in grado di avviare quel processo di cambiamento culturale, necessario per la ripresa sociale ed economica del territorio. Avendo rispetto delle regole e della Legge, operando con la massima trasparenza e onestà sempre e comunque per il bene della cosa pubblica e dei cittadini. 

Il MAP si dichiara disposto a confrontarsi con tutte le categorie sociali, con le Associazioni e con i gruppi politici che intendono la politica “missione” e che non siano mai stati oggetto di attenzione da parte della Giustizia. Lealtà, Legalità, Onestà e Solidarietà, sono i valori imprescindibili sui quali si basa la formazione e la filosofia politica del Movimento Autonomo Popolare.

Non ammettiamo nessun’altra interpretazione della politica che non sia rigidamente basata sul rispetto dei nostri principi etici e morali.   

 

 SEDI MAP      

 

Reggio Calabria - Direzione Nazionale

 Diventa Socio del MAP

Diventare Socio del “Movimento Autonomo Popolare” ti da la possibilità di contribuire con le tue idee e con la tua intraprendenza al miglioramento dello stato sociale, ambientale ed economico del territorio. La “mala politica” ha determinato uno stato di fatto avverso nei confronti del Popolo, limitandone la Sovranità e la libertà, trasformando i Cittadini da esseri umani in mero strumento per il finanziamento dei Governi e non dello Stato. Non perdiamo la speranza di poter ritornare a essere considerati esseri umani e Cittadini di uno Stato Democratico, nel quale la Sovranità Popolare ritorna a contare al pari dei Governi eletti democraticamente a suffragio universale. Costruisciti il futuro difendendoti personalmente dalla “demo dittatura”, contribuendo ad arrestare la “mala politica”, della quale oggi siamo vittime in preda alla rassegnazione. Ricostruiamo la nostra Patria e riscattiamo la nostra dignità di Popolo Sovrano. Vieni a fare parte del M A P. Non permettere a nessuno di trattarti come strumento.

In questo sito troverai tutti i recapiti e le informazioni necessarie per contattarci. Non perdere tempo! …..Il tuo futuro dipende da te!  .......Insieme si può!

SCARICA MODELLO ISCRIZIONE SOCI  (pdf)

Aiutaci ad arrestare la   
     "mala politica" 

Associazione politico-culturale MAP

Via San Sperato II° Tratto Mosorrofa, s.n.c. 

                  Reggio Calabria 

          IBAN:

IT50S0760105138205129505133

    POSTEitaliane - Postepay 

Novità

CHI AMA LA DEMOCRAZIA VOTA NO ALLA RIFORMA COSTITUZIONALE

08.05.2016 12:48
>>

SINTESI DELLA RIFORMA COSTITUZIONALE

29.04.2016 20:53
Ecco come sarà il nuovo Senato. Il ddl Boschi punto per punto Ridotto a 100 membri: 74 consiglieri regionali, 21 sindaci, 5 di nomina presidenziale                            ... VOTARE NO!         ...
>>
Tutti gli articoli

Oggetti: 1 - 2 di 2

Cerca nel sito

© 2015 Tutti i diritti riservati.